IT | EN

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.villaborbone.net/home/wp-content/themes/villa_borbone/element-flexslider-inside.php on line 11

La Macchia Lucchese e la Tenuta Borbone

La Tenuta Borbone e la Macchia Lucchese rappresentano con la pineta di ponente i due grandi polmoni verdi di Viareggio. Se la pineta di ponente è a tutti gli effetti diventata col tempo un parco cittadino, la Tenuta Borbone e Macchia Lucchese, conosciuta dai viareggini anche come pineta di levante, ha mantenuto inalterati molti caratteri naturalistici che hanno fatto sì che, da più di trent’anni, la zona sia stata compresa all’interno dei confini del Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli. In considerazione della ricchezza di biodiversità presenti in alcune aree del bosco, il Parco ha ritenuto opportuno istituire due Riserve Naturali, rispettivamente chiamate “Lecciona” e “Guidicciona”, al fine di tutelare le specie endemiche di rara bellezza che si possono trovare passeggiando lungo i sentieri. L’importanza di tali aree è stata inoltre riconosciuta anche con l’istituzione di due Siti di Importanza Comunitaria (S.I.C.) facenti parte della Rete Natura2000.

All’interno della Macchia Lucchese esistono numerose vie e sentieri facilmente percorribili. I percorsi realizzati in Macchia Lucchese consentono di attraversare e conoscere due ambienti del parco molto significativi e di grande interesse naturalistico: il bosco e la costa. Nel bosco, camminando in silenzio tra lecci, ontani, frassini, farnie e pini domestici, sarà possibile sentire il martellante lavoro del picchio alla ricerca di cibo sui vecchi pini, e attraversando le fasce boschive retrodunali, ricche di pino marittimo, fillirea, corbezzolo e ginepro, si raggiungeranno le aree dunali che rappresentano il più vasto, completo e ben conservato esempio di vegetazione costiera.

A seguito del progetto “Life Natura Dune Tosca” sono stati ricreati ambienti umidi retrodunali, importantissime zone per la sosta di uccelli migratori e per la riproduzione di molte specie di anfibi; inoltre sono state eradicate specie vegetali esotiche ed infestanti, nocive per l’equilibrio e la biodiversità di questo ambiente estremamente delicato.

Il sentiero che attraversa la riserva naturale della Lecciona è di particolare valore ambientale e naturalistico perché permette di attraversare tutti gli ambienti naturali che fanno parte del Parco dal bosco fino alla spiaggia libera della Lecciona, sicuramente la più bella spiaggia allo stato naturale che si trova nel Parco. Il percorso inizia dal viale dei Tigli, proprio davanti alla Villa Borbone. Da segnalare sono i ponticelli in legno che permettono l’attraversamento delle grandi lame poste tra via delle Viareggine e via della Sconfinata. Si tratta di un tratto particolarmente suggestivo in cui il visitatore può osservare dall’alto lo spettacolo delle lame, depressioni colme d’acqua in inverno, in cui il bosco di caducifoglie raggiunge tutto il suo massimo sviluppo.

Durante le vacanze estive (Giugno-Luglio) i ragazzi saranno seguiti da biologi e guide ambientali escursioniste attraverso percorsi luidico-didattici ed artistico-creativi che avranno come scopo quello di dar vita ad un legame affettivo con l’ambiente circostante basato sulla conoscenza e il rispetto.